Lo schermo bianco

Attività

Fondazione Luigi Rovati ospita un nuovo ciclo di dialoghi per mettere a fuoco i grandi cambiamenti che investirono i musei a partire dal secondo dopo guerra: quattro appuntamenti a cura di Fondazione Federico Zeri e Associazione Amici di Federico Zeri.

 

Negli anni del miracolo economico, il razionalismo architettonico immerse le opere d’arte in una nuova luce e in un nuovo spazio. Geometrie minimal, sfondi chiarissimi e pannelli mobili modificarono la percezione degli oggetti, della loro forma e del loro colore. Guidando la ricostruzione post-bellica, le direttrici e i direttori dei musei degli anni Cinquanta si trovarono a prendere decisioni che avrebbero definito a lungo la forma di pinacoteche e gallerie.

 

La collaborazione tra storici dell’arte e architetti fu intensa. Fernanda Wittgens, Carlo Scarpa, Franca Helg, Franco Albini e Caterina Marcenaro sono solo alcuni dei protagonisti di questa stagione capitale della museologia italiana e internazionale. Ma il dialogo non fu semplice. Nacque presto il timore che l’architettura si prendesse il centro della scena, confinando le opere – le vere protagoniste – in un paradossale secondo piano. Soffermarsi su questo conflitto tra contenitore e contenuto è forse il modo migliore per riflettere sugli allestimenti di oggi e sul rapporto tra musei ed esposizioni temporanee.

 

 

Mercoledì 16 novembre ore 18
Fernanda Wittgens: Brera 1950
Giovanna Ginex, Storica dell’arte e curatriceMarcello Calogero, Fondazione Federico Zeri

Prenota
   
Mercoledì 23 novembre ore 18 Palazzo Bianco / Palazzo Rosso. Caterina Marcenaro, Franco Albini e Franca Helg per i musei di Genova Raffaella Fontanarossa, Storica dell’arte Giovanna Forlanelli, Fondazione Luigi Rovati
Prenota
   
Mercoledì 30 novembre ore 18 ‘Una prospettiva di gusto del nostro tempo’. Gli architetti e le mostre, guardando a Carlo Scarpa Guido Beltramini, Centro internazionale di studi di architettura Andrea PalladioSalvatore Settis, Archeologo e Storico dell’arte

Prenota
   
Venerdì 16 dicembre ore 18 Frick Madison. Un allestimento in veste brutalista per la Frick Collection di New York Giulio Dalvit, The Frick CollectionAnnalisa Zanni, Museo Poldi Pezzoli

Prenota

 

 

Gli incontri sono gratuiti e a ingresso libero, fino a esaurimento posti disponibili.
Si consiglia la prenotazione.
Il biglietto per la conferenza non include l’accesso al Museo d’arte (che può essere acquistato separatamente). 

 

 

 

© Archivio Fotografico - Fondazione Musei Civici di Venezia